Il mondo del vino è ricco e affascinante


Continua a scoprirlo con i Master e i Corsi di approfondimento organizzati da AIS Milano.


Prossimi appuntamenti

  • 5° Master in Tecniche di Cantina
  • 3° Master in Tecniche di Spumantizzazione e vini Passiti
  • 11° Master inViticoltura
  • La Borgogna in 18 incontri
  • Master Il vino di Bordeaux

 

 

 

e030_champagne

Il vino di Bordeaux

Bordeaux

Un approccio originale a un territorio di prestigio planetario



Il Bordeaux

Lungo due fiumi, la Garonna e la Dordogna, si sviluppa uno dei territori enoici più conosciuti al mondo.
Cabernet franc, cabernet sauvignon, merlot, sauvignon, sémillon e muscadelle sono i principali vitigni di questa regione che si confronta con la viticoltura sin dall’antichità.
Nel 1855, su domanda dell’imperatore Napoleone III, viene redatta la “classificazione ufficiale dei vini di Bordeaux” in funzione del costo dei vini prodotti, proporzionale alla qualità, e della reputazione degli châteaux.
I nomi sono tanto altisonanti quanto esclusivi: Mouton-Rothschild, Yquem, Latour, Petrus, Margaux, Haut-Brion, Angélus… solo per citarne alcuni.
Una sessantina di denominazioni con il comune denominatore dell’assemblaggio di più vitigni in un caleidoscopio di sensazioni e sfumature: dalla forza dei tannini nei Pauillac all’eleganza dei Saint-Julien ai seducenti Pomerol fino ai morbidi Côtes de Bordeaux. Tutto questo è Bordeaux

 

Il ProgrammaBordeaux


Rive gauche e rive droite
Identità territoriali e ampelografiche a cavallo dei due fiumi. Stabilità distintiva o unità espressiva?
6 vini in degustazione


I vini bianchi
Origine, peculiarità e valore della riva sinistra interpretata attorno a sémillon, sauvignon blanc e muscalle. Andare oltre la ricchezza zuccherina.
5 vini in degustazione


Lo spirito di gerarchia
Storia, leggibilità, attualità e affidabilità di un sistema piramidale dal 1855 ai giorni nostri. La specificità del concetto di cru a Bordeaux.
6 vini in degustazione


Al di fuori e al di là dei grandi terroir
Da Fronsac al Médoc regionale, incursione nelle aree meno note e meno quotate del Bordolese: alla scoperta della marginalità propositiva.
5 / 6 vini in degustazione


Il Bordeaux nel tempo
L'evoluzione della struttura e dell'aroma tra potenziale, fasi storiche, effetto millesimo e opzioni produttive.
4 / 5 vini in degustazione

 


I vini in degustazione

Vini d’eccezione, château mitici, grandi millesimi, annate pienamente mature... tra gli altri, citiamo i seguenti vini (qui rigorosamente in ordine alfabetico):

  • Château Angélus Premier Grand cru classé «A» 2004 – AOC Saint-Émilion Grand cru
  • Château Branaire-Ducru Quatrième cru classé 2007 – AOC Saint-Julien (in magnum)
  • Château Calon-Ségur Troisième cru classé 2007 – AOC Saint-Estèphe
  • Château Canon Premier Grand cru classé 1989 – AOC Saint-Émilion Grand cru
  • Château Carbonnieux Grand cru classé blanc 2006 – AOC Pessac-Léognan
  • Château Les Carmes Haut-Brion 2009 – AOC Pessac-Léognan
  • Château Chasse-Spleen 2006 – AOC Moulis-en-Médoc
  • Château Climens Premier cru classé 1998 – AOC Barsac (in magnum)
  • Château Cos d’Estournel Deuxième cru classé 2006 – AOC Saint-Estèphe
  • Château l’Évangile 2006 – AOC Pomerol
  • Château Grand-Puy-Lacoste Cinquième cru classé 1995 – AOC Pauillac
  • Château Haut-Bailly Grand cru classé 2001 – AOC Pessac-Léognan
  • Château Latour-Martillac Grand cru classé 1982 – AOC Pessac-Léognan
  • Château Léoville-Las Cases Deuxième grand cru classé 1994 – AOC Saint-Julien
  • Château Mouton Rothschild Premier cru classé 2007 – AOC Pauillac
  • Château Pape Clément blanc 2000 – AOC Pessac-Léognan
  • Château Pavie Premier Grand cru classé «A» 2004 – AOC Saint-Émilion Grand cru
  • Château Pichon Longueville Baron Deuxième cru classé 2007 – AOC Pauillac
  • Château Pontet-Canet Cinquième cru classé 2007 – AOC Pauillac
  • Château Smith Haut Lafitte blanc 1996 – AOC Pessac-Léognan
  • Château Sociando-Mallet 2009 – AOC Haut-Médoc
  • Château d’Yquem Premier cru Supérieur classé 1995 – AOC Sauternes
  • Roc de Cambes 2009 – AOC Côtes de Bourg
  • Vieux Château Certan 1988 – AOC Pomerol



Il relatore

Samuel Cogliati, Samuel Cogliati italo-francese, è giornalista, editore, scrittore e consulente nel mondo del vino. E' il fondatore di Possibilia Editore e l'editore-curatore della versione italiana del periodico francese LeRouge&LeBlanc, con cui collabora da anni. Scrive sulle pagine dedicate al vino nel mensile La Cucina Italiana, ed è stato una delle firme di Porthos, Il Turismo Culturale, ViaMichelin.com e Giudizio Universale. E' autore dei libri "La natura del vino. Ciò che è importante sapere sul vino e sulla degustazione" (Possibilia Editore, 2012), "Champagne - il sogno fragile" (Porthos Edizioni, 2008) e "Vini naturali. Una breve guida per sapere cosa sono" (Quaderni Sarfati, 2009).

 

Informazioni

Libretto di degustazione e 6 calici in omaggio a tutti i partecipanti

 

Edizioni precedenti

1a edizione: ottobre-novembre 2013


Per approfondire

Per approfondire
leggi la recensione
una regione e i suoi vini...