Prenotazioni on-line

 

Da oggi prenotarsi agli eventi di AIS Milano e’ ancora più facile!

Stando comodamente a casa o dall’ufficio si può consultare la disponibilità dei posti e prenotare la propria iscrizione, fino a un massimo di due posti, seguendo facili istruzioni.
E’ necessario essere iscritti al sito di AIS Milano. Gli eventi sono riservati ai Soci AIS in regola con il pagamento della quota associativa per l’anno in corso.



Per prenotare un evento, clicca su Utenti ed entra, con il tuo nome e la tua password, nella sezione riservata agli utenti registrati: potrai accedere alla paginaPrenota il tuo Evento.

La grafica mostra in verde la possibilità di registrarsi, in giallo la lista d’attesa, in rosso l’impossibilità ad effettuare l’iscrizione.

Una mail di conferma della registrazione arriverà al tuo indirizzo email con il riepilogo dei dati inseriti.

Effettuato il pagamento, inserisci sulla tua prenotazione, nella casella Dati del pagamento, il numero del bonifico (CRO), oppure, se hai pagato in contanti presso la Segreteria, la data nella quale hai effettuato il pagamento.

Chi si registra, ma non effettua il pagamento nei tempi indicati o non inserisce i dati del pagamento sul sito, vedrà decadere la registrazione in modo automatico. Il sistema permetterà a quanti sono in lista d’attesa di accedere all’evento.

Puoi inserire i dati del pagamento fino a 5 giorni prima dell’evento e modificare o cancellare la registrazione fino a 5 giorni prima dell’evento direttamente dal sito, se il pagamento della quota non è stato ancora effettuato.

e110_data.jpg

Prenotazioni on-line

27 febbraio 2017 - Terroir in purezza - Alto Piemonte

Terroir in purezzza - Alto PiemonteLunedì 27 febbraio 2017 - ore 15:30

 

Banco di degustazione con i vini dell'Alto Piemonte



Già Plinio il Vecchio parlava della vitis spinea (da cui deriverebbe il nome Spanna) coltivata nel Novarese dove giunse dalla città etrusca di Spina, alla foce del Po.
Lungo il medioevo la coltura della vite si diffonde e perfeziona grazie all’opera dei cluniacensi, che acquisiscono vasti possedimenti nella zona.
Nel Cinquecento il vino di Gattinara trova la sua fortuna in un ambasciatore illustre, Mercurino Arborio, umanista e politico di primo piano presso gli Asburgo, fa conoscere ed apprezzare il proprio vino in tutte le corti d’Europa.


ITerroir in purezzza - Alto Piemontel vigneto nel Nord Piemonte cresce quanto la qualità dei suoi vini, al punto che Cavour, assaggiato un Sizzano, ne resta così impressionato da riconoscere “che le colline del Novarese possono gareggiare coi colli della Borgogna”.
Quintino Sella, celebre statista e più volte ministro nonché titolare della storica cantina, brinda col Re al primo governo dell'Italia Unita con un Lessona, da allora soprannominato “vino d’Italia”. Siamo all’apice dello splendore: il Nord Piemonte è tutto un grande vigneto, con una produzione così vasta che, nel 1891, a Oleggio viene fondata la prima cantina sociale d’Italia.


Poi il declino. Al male ubiquitario della fillossera, in un’area dove oidio e peronospora già stavano decimando le coltivazioni, si aggiunge il flagello delle due guerre e soprattutto il forte sviluppo dell'industria tessile che segna l’abbandono delle campagne; gli ettari vitati passano dai 45.000 di fine Ottocento ai 700 di oggi. Sono anni difficili, in cui il territorio deve fare i conti anche con il disastro chimico conseguente al boom industriale e con lo scandalo delle sofisticazioni.


Il risorgimento del Nord Piemonte vitivinicolo è storia recente e in fermento.
Sono gli anni in cui, a livello globale e per questioni ambientali, storiche e sociali assistiamo ad un generale ritorno alla terra.
Lo scenario agroalimentare in crisi d’identità riscopre il valore delle colture tradizionali: la biodiversità si oppone alla globalizzazione del gusto.
Nello stesso clima si inserisce anche questa rinascita, dove alla lungimiranza ed alla serietà di produttori storici si sono aggiunti il ritrovato entusiasmo e l’appassionato impegno di altre aziende, spesso nuove e molto piccole, con l’obiettivo comune di radicare nell’unicità del territorio il fondamento delle proprie peculiarità produttive.
Un territorio la cui storia è un unicum geologico, con rocce vulcaniche portate in superficie da movimenti tellurici cui si sono aggiunti composti morenici trasportati dal ghiacciaio del Monte Rosa.  

 


Aziende presenti

BIELLA
Antoniotti - Sostegno
Cassina Pietro - Lessona
Centovigne - Cossato
La Prevostura - Lessona
Massimo Clerico - Lessona
Proprietà Sperino - Lessona
Roccia Rossa - Brusnengo
Tenute Sella - Lessona


NOVARA
Ca' Nova - Bogogno
Cantalupo - Ghemme
Cantine del Castello - Maggiora
Carlone Davide - Grignasco

Castaldi Francesca - Briona
Enrico Crola - Mezzomerico
Filadora - Mezzomerico
Francesco Brigatti - Suno
Gilberto Boniperti - Barengo
Le Piane - Boca
Mazzoni - Cavaglio d'Agogna
Mirù - Ghemme
Platinetti - Ghemme
Podere ai Valloni - Boca
Vigneti Valle Roncati - Briona


VERBANIA
Cantine Garrone - Domodossola


VERCELLI
Cantina Delsignore - Gattinara
Il Chiosso - Gattinara
La Palazzina - Roasio
Nervi - Gattinara
Paride Iaretti - Gattinara

Travaglini - Gattinara

 


Informazioni

AIS Milano
Per informazioni: eventi@aismilano.it

Data
Lunedì 27 febbraio 2017
ore 15.30 - 20.30 (accesso in sala sino alle 20.00)


Sede

Hotel The Westin Palace
Piazza della Repubblica 20, Milano

L’evento è riservato ai Soci AIS in regola con la quota associativa di AIS Nazionale e agli operatori del settore.