Ultimi articoli

Velenosi: dal giovane amore al vertice delle Marche

News image

Marche, Ascoli Piceno, 1984. Ettore e Angela Velenosi, 25 anni lui e 20 anni lei, sono una giovane coppia di sposi che h...

Recensioni | Giacomo Pelatti

Il rapporto tra vitigno e altitudine nella qualità dell’Alto Adige

News image

La denominazione Alto Adige/Südtirol DOC, con i suoi circa 5400 ha vitati, è tanto piccola quanto piena di spunti di rif...

Recensioni | Giacomo Pelatti

Caffè e vino: un matrimonio combinato!

News image

Le note rock di Fiorella Mannoia, che a Sanremo nel 1981 cantava "Caffè nero bollente", ci riportano con la mente alla s...

Recensioni | Giulia Cacopardo

Trentodoc, uno spumante fatto con metodo

News image

Il benvenuto alla Masterclass sul Trentodoc, in occasione dell’esclusivo banco di degustazione con l’eccellenza delle bo...

Recensioni | Sara Missaglia

Greco di Tufo, l’oro d’Irpinia ha molte sfumature

News image

L’oro di Irpinia protagonista della prima serata AIS dopo la pausa estiva. Ed è confortante, quando il clima inizia a r...

Recensioni | Barbara Sgarzi

4 dicembre 2017

AISMilanoCari colleghi e amici di AIS Milano,

questa settimana terminano tutti i corsi avviati questo autunno che hanno visto la partecipazione di oltre 560 allievi.
È stato un piacere lavorare con tante persone appassionate, con la voglia di imparare le tecniche di degustazione, l’abbinamento cibo/vino e tanti piccoli dettagli che possono arricchire culturalmente e rendere ancora più piacevoli i momenti conviviali.
I nostri corsi sono pieni di stranieri che non solo apprendono dalla cultura italiana ma ci insegnano dalla loro storia, le loro abitudini, i piatti e le bevande tipiche.
Questo scambio di culture aggiunge grande ricchezza ai nostri incontri.

Quello che vivremo oggi è un banco di degustazione insolito, dedicato ai vini bianchi che invecchiano; sarà un’esperienza sensoriale straordinaria per capire insieme come questi vini siano capaci di sfidare il tempo.
Il nostro gruppo di comunicatori del vino si è arricchito con la partecipazione del giovane collega Altai Garin, con il suo linguaggio moderno, dinamico e la sua capacità di emozionare. Complimenti Altai.

Hosam Eldin Abou Eleyoun