Ultimi articoli

Brindiamo con il Barbacarlo ai 50 anni AIS

News image

Dopo un banco e quattro degustazioni a tema, alle ore ventuno in punto è iniziato l’evento finale di una giornata memora...

Recensioni | Giovanni Bordin

Made in 1965: un banco di degustazione degno del mezzo secolo!

News image

Centotrenta, il numero dei produttori presenti al banco di degustazione allestito per il 50° compleanno dell’Associazion...

Recensioni | Domenico Valenzano

Sake, l’aperitivo dell’estate

News image

Fra tutto ciò che poteva venirci in mente da abbinare ai nostri piatti estivi a base di pesce, probabilmente ad uno non ...

Recensioni | Giulia Cacopardo

Sauvignon blanc? No, Sancerre

News image

Il fiume Loira attraversa la Francia e traccia uno dei percorsi più interessanti dal punto di vista enologico, esattamen...

Recensioni | Sara Missaglia

Pizzica e vino: una danza da bere

News image

Che sapore ha una danza? Come balla un vino? Che ritmo ha un calice? Qual è il profumo di un canto? Tutte queste domand...

Recensioni | Sara Missaglia

Recensioni

Brindiamo con il Barbacarlo ai 50 anni AIS


BarbacarloDopo un banco e quattro degustazioni a tema, alle ore ventuno in punto è iniziato l’evento finale di una giornata memorabile: i cinquanta anni di AIS.

Un vero e proprio talk show di cui Samuel Cogliati è stato il moderatore.
Antonello Maietta, Presidente AIS Nazionale, ha preso per primo il microfono ed ha raccontato al pubblico in sala la fantastica operazione che sta compiendo l’Associazione, ovvero la conoscenza semplice ma professionale del mondo del vino, grazie alle delegazioni distribuite sul territorio nazionale che lavorano tutti i giorni con passione e serietà.

Leggi tutto...

Made in 1965: un banco di degustazione degno del mezzo secolo!


50 anni AISCentotrenta, il numero dei produttori presenti al banco di degustazione allestito per il 50° compleanno dell’Associazione Italiana Sommelier.
Centotrenta, i giorni che dividono la nascita dell’AIS dalla mia.

Coincidenza? Io sono più vecchio di qualche mese, ma giovanissimo per quanto riguarda l’ingresso nel “mondo del vino”.

Leggi tutto...

Sake, l’aperitivo dell’estate


SakeFra tutto ciò che poteva venirci in mente da abbinare ai nostri piatti estivi a base di pesce, probabilmente ad uno non avevamo pensato: il sake.

Cos’è esattamente? Come si abbina? Si beve caldo o freddo? Dubbi leciti di mezza estate, che ci potrebbero venire in mente pensando ad un aperitivo con gli amici in terrazza oppure seduti al tavolo di un ristorante giapponese.

Leggi tutto...

Sauvignon blanc? No, Sancerre


TerrenoIl fiume Loira attraversa la Francia e traccia uno dei percorsi più interessanti dal punto di vista enologico, esattamente nel centro incontra l'area di Sancerre, non lontana dalla Borgogna e non meno importante di Pouilly-Fumé.

Mariano Francesconi, Presidente di AIS Trentino, ci racconta di questa terra e del vitigno che l'ha resa così famosa al mondo: il sauvignon blanc. In Sancerre questo vitigno non è internazionale, è autoctono nel senso etimologico del termine, profondamente legato alla terra in cui viene allevato.

Leggi tutto...

Zafferano Padano: l'oro rosso che arriva dalla Brianza


Un dei piatti della cenaL’abbiamo immaginata, anzi, sognata diverse volte una serata così. Aspettavamo un prodotto del genere da tanto tempo. Facciamo qualche ricerca, ci consultiamo e decidiamo: alziamo la cornetta.

Era un sabato pomeriggio di metà febbraio; l’indomani, neanche troppo sul tardi, ci troviamo con i piedi a mollo in una fanghiglia semi umida di un ordinatissimo zafferaneto, a parlare con tre ragazzi della loro pregiata coltura.

Leggi tutto...

Pizzica e vino: una danza da bere


TamburelliChe sapore ha una danza? Come balla un vino? Che ritmo ha un calice? Qual è il profumo di un canto?

Tutte queste domande nascono dall’incontro di differenti registri linguistici: dopo la Tammurriata, AIS Milano ci regala una nuova serata in cui l’abituale punto di vista viene scardinato, così come i nostri riti da degustatori.

Leggi tutto...

Storia e tradizioni sarde nei vini di Contini


ContiniLa famiglia Contini da Cabras è una delle poche aziende vinicole che ha legato indissolubilmente il proprio nome a quello di un territorio, di un vitigno e di un vino. La sua Vernaccia di Oristano è oggi un patrimonio da salvaguardare.

Un’azienda famigliare con più di cento anni di storia, un vino ancestrale, quasi un fossile vivente, vigneti che riposano osservando il mare accanto ad antichi siti archeologici, giostre cavalleresche medioevali: poche righe per descrivere un territorio unico, diverso dalla Sardegna da cartolina, ricco di cultura e tradizioni.

Leggi tutto...

I sauvignon blanc della Loira: Pouilly Fumè


Pouilly Fumé“Qui Pouilly boit, Femme ne déçoit!” ovvero chi beve Pouilly non delude le donne, così recita il detto degli abitanti di Pouilly, giustamente orgogliosi del proprio vino!

Siamo di fronte a una delle zone di massima espressione del vitigno; ci troviamo nella Valle della Loira, terza area vinicola della Francia per superficie e territorio limite dal punto di vista climatico.

Leggi tutto...

Formaggi di capra e vini: in principio era il latte


Formaggi di capraChe cosa ci fanno insieme Beppe Casolo, zootecnico esperto di analisi sensoriale dei prodotti caseari, e Luisito Perazzo, miglior sommelier di Italia?

A fianco di AIS Milano questa sera c'è ONAF, l'Organizzazione Nazionale Assaggiatori di Formaggio, per una degustazione dei formaggi di capra vincitori della decima edizione del concorso milanese "All'ombra della Madonnina" in abbinamento a vini selezionati: ci aspettano non solo i profumi del calice, ma espressioni olfattive di erba, di latte, di fieno.

Leggi tutto...

Vino Santo trentino: il matrimonio tra nosiola e botrite


r210 logo articoloMariano Francesconi, Presidente di AIS Trentino, ci conduce nella Valle dei Laghi, tra i piccoli centri di Sarche e Toblino.

Qui, tra castelli da fiaba e paesaggi da cartolina,  l’Ora – il mite vento del Garda – crea il microclima ideale per la raccolta tardiva della nosiola e lo sviluppo della muffa nobile, particolarità che ha salvato questo antico vitigno dall’estinzione.

 

Leggi tutto...