Ultimi articoli

Astoria, l'identità del prosecco

News image

  Quando diciamo Prosecco parliamo di una realtà interregionale di oltre quattrocento milioni di bottiglie. Attrav...

Recensioni | Anita Croci

In viaggio verso il continente Australia

News image

  La curiosità è un dovere per un sommelier, ogni occasione deve essere lo spunto per apprendere qualcosa di nuovo...

Recensioni | Giovanni Bordin

Sensazionalmente cioccolato!

News image

Nella cornice del ristorante PanEvo del The Westin Palace di Milano, prende vita una cena insolita e curiosa, durante la...

Recensioni | Laura Zaninelli

Campania

News image

Un emozionante viaggio fatto di poesia, immagini e grandi vini. Vedo l’evento sul sito. Lo ignoro, volontariamente e a ...

Recensioni | Alessandro Di Venosa

Cerasuolo di Vittoria, anima rossa siciliana

News image

Due amici, due vitigni, un grande rosso, il sole e l’arte della Trinacria. Adriana Licciardello e Davide Gilioli sono d...

Recensioni | Gabriele Merlo

Recensioni

Astoria, l'identità del prosecco

 

AstoriaQuando diciamo Prosecco parliamo di una realtà interregionale di oltre quattrocento milioni di bottiglie. Attraverso una panoramica dei suoi vini, Astoria ci offre un focus sul Prosecco trevigiano per scoprire le differenti espressioni della glera spumantizzata, con uno sguardo anche agli altri vitigni rappresentativi del territorio.

Astoria nasce nel 1987. Una realtà apparentemente giovane, ma con alle spalle una famiglia che si occupa di vino da generazioni, oggi brillantemente rappresentata da Paolo e Giorgio Polegato, i due fratelli titolari dell’azienda; siamo a Refrontolo, nel cuore della DOCG Conegliano-Valdobbiadene e della produzione di Prosecco, bandiera vinicola del Veneto a livello mondiale.

Leggi tutto...

In viaggio verso il continente Australia

 

AustraliaLa curiosità è un dovere per un sommelier, ogni occasione deve essere lo spunto per apprendere qualcosa di nuovo e se, a presentare la serata, abbiamo lo stimato Guido Invernizzi, c’è sicuramente qualcosa di strano da degustare e qualcosa da imparare.

La storia del vino in Australia nacque nel 1788, grazie all’ammiraglio inglese Arthur Phillip che importò le prime viti dal Brasile e da Capo di Buona Speranza. La vera diffusione della viticoltura si ebbe però tra il 1820 e il 1840 con l’approdo, sulle spiagge australiane, delle navi cariche di coloni europei.

Leggi tutto...

Campania


Master CampaniaUn emozionante viaggio fatto di poesia, immagini e grandi vini.

Vedo l’evento sul sito.
Lo ignoro, volontariamente e a fatica.
Troppo alto il rischio di poter perdere lezioni a causa del lavoro.
Un amico ritira fuori l’argomento. La tentazione è alta, la regione tra le mie preferite in assoluto.

Leggi tutto...

Sensazionalmente cioccolato!


SensoNella cornice del ristorante PanEvo del The Westin Palace di Milano, prende vita una cena insolita e curiosa, durante la quale i soci di AIS Milano si sono misurati con l’incredibile intensità del cioccolato, protagonista dall’aperitivo al dolce.

Amaro, questo è il nome che Marco Colzani, giovane artigiano brianzolo, ha dato al suo cioccolato; in questo nome sono racchiusi ricordi di infanzia e una filosofia di produzione particolare e unica: un cioccolato creato esclusivamente con fave di cacao e zucchero di canna, una “spremuta di fave zuccherata” come commenta lui stesso; una sapienza antica, aggiungo io.

Leggi tutto...

Cerasuolo di Vittoria, anima rossa siciliana


CerasuoloDue amici, due vitigni, un grande rosso, il sole e l’arte della Trinacria.

Adriana Licciardello e Davide Gilioli sono due giovani relatori e degustatori AIS, la loro amicizia nasce cinque anni fa sui banchi di AIS Milano; hanno condiviso tutto il percorso di studi ed ora hanno deciso far scoprire al pubblico meneghino il Cerasuolo di Vittoria, sorprendente vino rosso siciliano ottenuto da uve frappato e nero d’avola nella parte meridionale dell’Isola.

Leggi tutto...

Marisa Cuomo

 

Marisa CuomoVigneti a strapiombo sul mare, paesaggi da togliere il fiato, terrazzamenti e viticultura eroica. Marisa Cuomo ed il marito Andrea Ferraioli portano avanti dal 1983 una delle realtà più affermate e qualitative della vitivinicultura campana.

"Vino di roccia che sa di mare", diceva il maestro Gino Veronelli a proposito dei loro vini.
A condurre la serata il vulcanico Guido Invernizzi, stimatissimo Relatore AIS, medico, e da qualche anno anche cittadino onorario di Furore.

Leggi tutto...

La terra del Rossese


RosseseSi consideri che una pista da sci classificata come nera presenta pendenze dal 40 al 70%, i cosiddetti “muri”. Adesso, si immagini questa pendenza da percorrere senza sci ai piedi, a volte in salita e a volte in discesa, magari con delle cassette colme di uve sulle spalle. Benvenuti nella terra del Rossese.

Siamo a Dolceacqua, cuore pulsante della Val Nervia, dove la grande varietà geologica dei terreni e l’incontro tra cinque tipologie climatiche differenti, regalano condizioni favorevoli allo sviluppo di un vitigno forse ancora troppo sconosciuto ai più.

Leggi tutto...

Fattoria di Lamole, poesia di un Chianti (quasi) dimenticato

 

Fattoria di LamolePaolo Socci, ex ingegnere ferroviario, è un viticoltore illuminato che dal 2003 ha ridato lustro alla storica azienda familiare, riportando l'attenzione su una delle zone più evocative del Chianti Classico: i falsopiani ("lamule") sulla riva destra del torrente Greve, da cui il nome della località.

Immaginate due vecchi amici che conversano amabilmente davanti ad un calice di vino. Alle spalle, ampie vedute delle colline del Chianti. Di fronte, la sala del The Westin Palace gremita da un pubblico attento: Paolo Valente, degustatore AIS e responsabile della redazione di AIS Milano, conduce così questa intervista/degustazione.

 

Leggi tutto...

Le altre bollicine francesi, i Crémant

 

CremantIl termine Crémant, fino al 31 agosto 1994, indicava gli Champagne elaborati in modo da sviluppare meno anidride carbonica, quindi con una spuma più delicata. Oggi si utilizza in più ambiti ed in varie denominazioni.

In Francia abbiamo ben otto AOC di Crémant. Dal 2012 si è liberalizzato l’utilizzo della parola Crémant, che da allora può essere messa in etichetta. Il fattore comune rimane quello dei nove mesi minimo di sosta sui lieviti in bottiglia, un tempo relativamente breve.

Leggi tutto...

Vini da scoprire. Rizzari, Castagno e Gravina

 

Vini da scoprire«Grazie per averci definiti i migliori scrittori d'Italia, anche se mi sembra un po' limitativo questo. Io direi forse d'Europa, o anche dell'emisfero boreale»

L'irresistibile apertura di Fabio Rizzari fa subito capire al pubblico che non potrà trattarsi di una serata qualunque. La presentazione del libro "Vini da Scoprire", il caso dell'anno della letteratura enoica italiana, è una successione di gag, battute, aneddoti, tutti all'insegna della giocosità e del buonumore, da parte dei tre moschettieri, gli splendidi autori di questa opera a sei mani.

Leggi tutto...