Ultimi articoli

Israele, la culla del mondo vitivinicolo

News image

  La sala è gremita, si respira un'atmosfera solenne, è un grande piacere avere con noi Alfonso Pedatzur Arbib, il...

Recensioni | Anna Martinello

I formaggi a pasta filata e il vino: un filo bianco che unisce ONAF e AIS

News image

  Se la passerella AIS Milano ospita la sfilata ONAF delle paste filate, il loro debutto non può che suscitare sca...

Recensioni | Gabriele Merlo

Oro bianco

News image

Milano, Ristorante PanEVO presso “The Westin Palace”, 20 maggio 2016:  la disponibilità del nostro delegato unita a...

Recensioni | Laura Zaninelli con Paolo Borgonovo

Comunicazione ed emozione nel vino

News image

  Come la gran parte delle decisioni d’acquisto, anche quelle legate al vino sono guidate da meccanismi di facilit...

Recensioni | Raffaele Cumani

Viaggio sentimentale nell'Italia dei vini - Omaggio a Luigi Veronelli

News image

  Oltre 35 anni dopo la loro prima messa in onda, Samuel Cogliati riporta in scena a Milano, grazie alla collabora...

Recensioni | Davide Gilioli

Interviste

Intervista a Christoph Kunzli dell'azienda Le Piane


Christoph KunzliL’amore per i vini del Cerri, ha portato a Boca, nell’Alto Piemonte, Christoph Kunzli uno svizzero che ha ridato vita alle vigne.

Leggi tutto...

Perla del Garda, il Lugana in ogni sua espressione


Giovanna PrandiniDurante il Congresso AIS 2015 abbiamo intervistato Giovanna Prandini, titolare dell’azienda Perla del Garda.

Potete trovare lei, la sua passione, il suo sorriso e soprattutto i suoi vini, nella splendida cornice del lago Benaco, a Lonato del Garda.

Leggi tutto...

Non di solo vino vive l'uomo... ma anche di birra!


The Good BeerAl Congresso AIS 2015 incontriamo la The Good Beer Society, unica rappresentante di una realtà diversa da quella cui sono abituati i sommelier ma altrettanto interessante.

Intervistiamo Marco Giannasso che è al banco con Michela Cimatoribus e Andrea Legittimo, sorridenti dispensatori di ottima birra!

Leggi tutto...

Davide Scabin: il "gusto della forma"


Davide ScabinDavide Scabin stupisce con le sue preparazioni, con l’ordine di servizio delle portate, con l’evoluzione del suo essere, con il suo pensiero rivoluzionario nel rigore della realizzazione.


Inizia prestissimo a lavorare dietro ai fornelli supportato dalla madre, anche lei cuoca.

Leggi tutto...

Simone Fracassi: vocazione norcino


Simone FracassiLa distribuzione di massa e l’artigianalità ci presentano prodotti che solo in apparenza e distrattamente chiamiamo con lo stesso nome.

In ambito alimentare però non è così semplice assuefarci alla superficialità: i nostri sensi sono vigili sentinelle, che riconoscono bene la qualità di ciò che mangiamo, tanto che delle volte restiamo sorpresi della potenza di certe sensazioni gustative impresse nella nostra memoria.

Leggi tutto...

Enrico Crippa: l'arte dell'equilibrio

 
Enrico CrippaRicerca, arte e amore. Tre parole, come tre sono le sue stelle Michelin, per introdurci alla cucina di questo chef riservato e gentile, cui determinazione e creatività brillano negli occhi vispi e attenti.

L’esordio nella ristorazione avviene a sedici anni, come commis nello storico ristorante milanese di Gualtiero Marchesi. Quindi, un crescendo di esperienze europee di altissimo livello: Christian Willer alla Palme d'Or di Cannes, Gislaine Arabian al Ledoyen di Parigi, Antoine Westermann al Buerehiesel di Strasburgo, Michel Bras a Laguiole, Ferran Adria a El Bulli di Roses.

Leggi tutto...

Nadia Moscardi: una chef con il tastevin


Nadia MoscardiNadia Moscardi vive e lavora ai piedi del Gran Sasso, a pochi chilometri da L’Aquila.

Cresciuta accanto ai fornelli di mamma Elodia, che nel 1975 dà il proprio nome al ristorante, ha la cucina nel sangue. Dopo le esperienze con Ferran Adrià e Maurizio Santin, prende in mano le redini del ristorante di famiglia insieme ai fratelli che, abbandonate le altre attività che svolgevano, decidono di investire in un progetto che ha la qualità come colonna portante.

Leggi tutto...

Davide Oldani: bello e possibile


Davide OldaniDavide Oldani ama definirsi un “cuoco pop”, dove pop sta per popolare e intende coniugare l’alta qualità delle materie prime con l’accessibilità da parte del grande pubblico.

Classe 1967, inizia prestissimo a frequentare le cucine dei più rinomati ristoranti del mondo: Gualtiero Marchesi lo introduce alla grande cucina, Albert Roux a Londra lo avvicina alla cucina francese in un locale a tre stelle Michelin, Alain Ducasse al Louis XV di Montecarlo gli insegna la managerialità e una nuova alleggerita cucina francese e Pierre Hermé lo accompagna alla scoperta della pasticceria.

Leggi tutto...

Simone Tondo: la Sardegna nel cuore dell’Île


Simone TondoSe a parlarci di lui fosse solo il curriculum di mille esperienze e collaborazioni, ci sorprenderemmo non poco di fronte ad un ragazzo di ventisei anni.

Sembra invece tutto naturale, per uno che le idee chiare le aveva già a quattordici anni, quando si impose ad una carriera già scritta da architetto per frequentare l’istituto alberghiero di Alghero. E tutto finora gli ha dato ragione.

Leggi tutto...

Pietro Leemann: il gusto della natura

 

Pietro LeemannPietro Leemann nasce a Locarno, in Svizzera, nel 1961. Inizia prestissimo la carriera di chef. Il rispetto della natura e la grandissima attenzione per le materie prime caratterizzano da sempre la sua vita e la sua professione.

Dopo la scuola alberghiera, impara a conoscere la cucina italiana lavorando con chef del calibro di Gualtiero Marchesi, approfondisce la cucina francese e la “nouvelle cuisine”, soggiorna in Cina e in Giappone dove si avvicina alla cucina orientale.

Leggi tutto...