Ultimi articoli

Simone Fracassi: vocazione norcino

News image

La distribuzione di massa e l’artigianalità ci presentano prodotti che solo in apparenza e distrattamente chiamiamo con ...

Interviste | Anita Croci e Paolo Valente

Enrico Crippa: l'arte dell'equilibrio

News image

 Ricerca, arte e amore. Tre parole, come tre sono le sue stelle Michelin, per introdurci alla cucina di questo chef...

Interviste | Anita Croci e Paolo Valente

Nadia Moscardi: una chef con il tastevin

News image

Nadia Moscardi vive e lavora ai piedi del Gran Sasso, a pochi chilometri da L’Aquila. Cresciuta accanto ai fornelli di ...

Interviste | Anita Croci e Paolo Valente

Sakè, la lucente perla del Sol Levante

News image

«Impiegai un po’ di tempo a capire che l’eccellenza non stava nella potenza, e ad apprezzare il vuoto di sapore… Come in...

Recensioni | Gabriele Merlo

Alto Adige, cosa c’è oltre il gewurztraminer?

News image

Nicola Bonera ci ha presentato la produzione vitivinicola dell’Alto Adige, con un occhio rivolto ai vini bianchi meno bl...

Recensioni | Giovanni Bordin

I racconti golosi

Che bottiglia!


g018_barolo_bottiglieDedicato a tutti i Sommelier

Tutto è accaduto nel giorno di Ognissanti che, per il sottoscritto, è l’occasione di tornare in quel piccolo cimitero della bassa padana, a trovare tutti quei “vivi” che si riuniscono davanti ai propri cari defunti, ricordando un passato ormai lontano ma mai dimenticato.

Leggi tutto...

Giallo mimosa


MimoseDedicata a tutte le Donne

Leggi tutto...

Barolo, un vino da Re


BottiLa storia del Barolo è legata alle vicende di Juliette Victurine Colbert de Mont Lèvrier, una nobildonna, molto pia, andata in sposa a Carlo Tancredi dei marchesi Falletti di Barolo

Costui, con l’aiuto più che determinante dell’enologo francese Louis Oudart di Reims - già enologo del Conte Camillo Benso di Cavour, allora sindaco di Grinzane - produceva il nobile vino e, con abile mossa strategica, da “marketing ante litteram”, lo portò alla Corte Sabauda come omaggio a Re Carlo Alberto.

Leggi tutto...

Esseri speciali


Pomodori Alla madre dei miei figli, a tutte le madri e a tutte le donne

Qualche sera fa, osservando una vecchia fotografia di mia moglie, una polaroid del 1974, mi sono soffermato a pensare a quell’essere speciale con il quale ho avuto la fortuna di condividere gran parte della mia vita.

Leggi tutto...

Le tagliatelle della zia Pina


TagliatelleNovantadue anni portati con fierezza, la zia Pina può sorprendere chiunque con i suoi vividi occhi azzurri e con la sua autorità, mai persa

L'ho incontrata, esattamente come l'anno prima, per la ricorrenza dei Santi: ancora una volta là, davanti alla tomba del marito, a ribadirmi che i cimiteri servono solo ai vivi, a quelli che come noi si incontrano per non spezzare il legame che ci ha unito e ci unirà anche oltre questa dimensione.

Leggi tutto...

Vinitaly e Amicizia


g017_vinitalyIl Vinitaly per un sommelier è un’esperienza indimenticabile, un passaggio obbligato per avere un valore aggiunto di conoscenza di tutto quel mondo, fatto di contatti umani, che ruota attorno al vino

Da me però non aspettatevi percentuali di presenze o di vendite; vi parlerò invece di amicizia. Amicizia è ritrovarsi dopo un anno, con lo stesso gruppo di lavoro, e scoprire che il tempo non ha un’unità di misura convenzionale: ci si ritrova e tutto riparte dall’istante in cui l’avevi lasciato l’anno prima.

Leggi tutto...

La Famiglia


g016_famigliaLa prima volta in cui  parlò all’Hotel Westin Palace di Milano della sua azienda e dei suoi vini, il professor Moio mi colpì quando, guardando in un punto indefinito della sala, lasciò da parte il suo essere razionale per usare solo il cuore e, volando nel suo passato, ci regalò un suo dolce ricordo

Raccontò quasi sottovoce che tutto era nato là in quella cantina con il nonno, tra tini e vecchie botti, un’eredità non scritta, non imposta, non cercata, un seme che sapeva però di poter germogliare in quel nipote predestinato a perpetuare la famiglia: “L’azienda deve essere attorno al vigneto quasi a respirare la famiglia”.

Leggi tutto...

Profumo di mare


g015_chioggiaQuanta emozione, le prime vacanze al mare a Chioggia; era l’estate del 1963 ed occupare una stanza, nella casa di un pescatore, era la cosa più naturale a quel tempo

Le mie prime vacanze al mare in una calle tanto stretta che, guardando in alto, una ragnatela di fili per stendere i panni sembrava avesse più la funzione di tenere unite le case che di accogliere quei pochi indumenti sempre in cerca di un caldo raggio di sole.

Leggi tutto...

La Via della gioia


FunghiA mio padre

Ancora una volta insieme a Voi per condividere i miei ricordi, le emozioni legate ai profumi, ai sapori, ai colori di questa meravigliosa esistenza.

Leggi tutto...

La storia della patata


PatateEccomi qui con una nuova ricetta, anzi con una bella favola che narrerà storie di conquistadores, di pirati, di galeoni e caravelle, una splendida avventura... quella della patata

Per raccontarvela, ho viaggiato nel tempo (io posso farlo, voi umani no) e sono tornato al 1532, quando Franzisco Pizarro, quel triste 16 novembre, si fortificò in quel di Cajamarca, in Perù, con l'intento di fare prigioniero Atahualpa. Quel che successe fu una carneficina, vittime della quale rimasero Atahualpa con il suo seguito, alcune migliaia di soldati praticamente inermi.

Leggi tutto...