Ultimi articoli

Il mito Jacquesson: l’idea stessa della cuvée, nella sua unicità

News image

Una stupenda verticale della Cuvée 700, magistralmente guidata da Luisito Perazzo, in un’appassionante degustazione al...

Recensioni | Daniela Recalcati

BioNoc’, le birre di terroir delle Dolomiti

News image

Alla scoperta del Birrificio Artigianale BioNoc’: l’amicizia dei fondatori, la continua ricerca della genuinità e la s...

Recensioni | Paola Lapertosa

Finger Lakes: i vini che non ti aspetti, a “due passi” da New York

News image

Una delle realtà vitivinicole più intraprendenti degli USA si presenta con terroir e vitigni particolari da conoscere ...

Recensioni | Alberto Gober

Nutrire il vigneto

News image

Una giornata-studio presieduta da Riccardo Cotarella con la collaborazione di Davide Garofalo, per apprezzare il lato ...

Recensioni | Susi Bonomi

Master la Borgogna

News image

Ventuno gradi a fine febbraio sono anomali, un anticipo di primavera lungo le strade di Milano. Forse anche il tempo v...

Recensioni | Giuseppe Vallone

I colori del vento


I colori del ventoL’oro di Pantelleria, caratterizzato dai colori e sapori dell’uva zibibbo, inconfondibile nei vigneti ad alberello basso

Una sagoma in lontananza inizia a delinearsi, maestosa, piano piano ci avviciniamo. Il calar del sole rende l’arrivo ancora più suggestivo. L’aria un po’ rarefatta aumenta la sensazione acre che insieme al dondolio della barca esalta il palpito dell’avvicinamento a riva.

Un alito di scirocco ci dà il suo saluto più caloroso, raggiungendoci sul ponte, scuotendoci come foglie in caduta libera abbandonate a se stesse, lasciandoci intendere che non saremo soli… L’isola sembra respingerci, non siamo i benvenuti. Non siete i benvenuti a Pantelleria. Sbarchiamo ormai ad ora tarda, il buio è sovrano, percorriamo la costa che ci porterà al nostro dammuso, le costruzioni in pietra lavica, tipiche dell’isola, segnate dal sole e dal vento, le cui pareti sono ancora calde, nonostante il tramonto sia giunto da ore.
ZibibboIl risveglio ha un sottofondo ventoso, mi alzo, esco dal mio crepuscolo. Davanti a me, una visione. Qui lo scorrere del tempo non ha importanza. Distese di vigneti sovrastano un terreno arido, i suoi colori vulcanici non lasciano spazio a fraintendimenti, l’odore salino, penetrante e signore di queste terre. E’ una terra che non può essere conquistata.

Poche costruzioni, infiniti avvallamenti e strade ricavate da sentieri montuosi, non ci sono spiagge, non ci sono ombrelloni. Scogli frastagliati, grotte, mare mosso. Pantelleria. Ne sono già innamorato. Nessun compromesso.
Comincia il giro dei produttori di passito, l’oro di Pantelleria. Vino dolce, caratterizzato dai colori e sapori dell’uva zibibbo, inconfondibile nelle sue piantagioni ad alberello basso, vendemmiata tardivamente e lasciata appassire naturalmente al sole, disidratata per concentrare al massimo i suoi aromi. Si presenta di un color ambrato vivo e seducente. Al naso, impagabile, il suo bouquet fruttato ha un’intensità e una complessità prepotente, ma Pantelleriaraffinata. In gola, un’apoteosi di gusto, dolce, ma non stucchevole, equilibrato nella sua piacevolezza, aristocratico, sublime, impareggiabile. La sua persistenza infinita, nessun finale amaro, armonico dal principio alla fine… e oltre. La cavità orale vellutata cerca un altro assaggio di questo frutto della terra, meritevole del proprio appellativo. L’oro di Pantelleria.
Un luogo difficile da raggiungere, impossibile da dimenticare.