Ultimi articoli

Terra d’Eclano: il concetto di grande vino realizzato da Quintodecimo

News image

Per il professor Luigi Moio, ordinario di Enologia presso il Dipartimento di Scienza degli Alimenti dell’Università de...

Recensioni | Giacomo Pelatti

Vinovagando - I molteplici volti del profilo vitivinicolo lombardo

News image

«Non esiste altra regione in Italia che, come la Lombardia, possa garantire almeno una denominazione di eccellenza per...

Recensioni | Giuseppe Vallone

Valpolicella, attrazione fatale in rosso

News image

Per la fortunata rassegna Vinovagando, la penultima tappa del viaggio attraverso lo Stivale tocca una delle aree di ma...

Recensioni | Marco Agnelli

La Grande Piccola DOC Faro

News image

È un vero gioiello in miniatura sotto vari punti di vista: storico, paesaggistico ed enologico. Affonda le sue radi...

Recensioni | Daniela Recalcati

Aspettando il Master Champagne. L’intervista a Samuel Cogliati

News image

Dieci incontri, a partire da martedì 22 gennaio 2019, per conoscere l’affascinante panorama della Champagne, in tutta ...

Interviste | Ilaria Ranucci

I colori del vento


I colori del ventoL’oro di Pantelleria, caratterizzato dai colori e sapori dell’uva zibibbo, inconfondibile nei vigneti ad alberello basso

Una sagoma in lontananza inizia a delinearsi, maestosa, piano piano ci avviciniamo. Il calar del sole rende l’arrivo ancora più suggestivo. L’aria un po’ rarefatta aumenta la sensazione acre che insieme al dondolio della barca esalta il palpito dell’avvicinamento a riva.

Un alito di scirocco ci dà il suo saluto più caloroso, raggiungendoci sul ponte, scuotendoci come foglie in caduta libera abbandonate a se stesse, lasciandoci intendere che non saremo soli… L’isola sembra respingerci, non siamo i benvenuti. Non siete i benvenuti a Pantelleria. Sbarchiamo ormai ad ora tarda, il buio è sovrano, percorriamo la costa che ci porterà al nostro dammuso, le costruzioni in pietra lavica, tipiche dell’isola, segnate dal sole e dal vento, le cui pareti sono ancora calde, nonostante il tramonto sia giunto da ore.
ZibibboIl risveglio ha un sottofondo ventoso, mi alzo, esco dal mio crepuscolo. Davanti a me, una visione. Qui lo scorrere del tempo non ha importanza. Distese di vigneti sovrastano un terreno arido, i suoi colori vulcanici non lasciano spazio a fraintendimenti, l’odore salino, penetrante e signore di queste terre. E’ una terra che non può essere conquistata.

Poche costruzioni, infiniti avvallamenti e strade ricavate da sentieri montuosi, non ci sono spiagge, non ci sono ombrelloni. Scogli frastagliati, grotte, mare mosso. Pantelleria. Ne sono già innamorato. Nessun compromesso.
Comincia il giro dei produttori di passito, l’oro di Pantelleria. Vino dolce, caratterizzato dai colori e sapori dell’uva zibibbo, inconfondibile nelle sue piantagioni ad alberello basso, vendemmiata tardivamente e lasciata appassire naturalmente al sole, disidratata per concentrare al massimo i suoi aromi. Si presenta di un color ambrato vivo e seducente. Al naso, impagabile, il suo bouquet fruttato ha un’intensità e una complessità prepotente, ma Pantelleriaraffinata. In gola, un’apoteosi di gusto, dolce, ma non stucchevole, equilibrato nella sua piacevolezza, aristocratico, sublime, impareggiabile. La sua persistenza infinita, nessun finale amaro, armonico dal principio alla fine… e oltre. La cavità orale vellutata cerca un altro assaggio di questo frutto della terra, meritevole del proprio appellativo. L’oro di Pantelleria.
Un luogo difficile da raggiungere, impossibile da dimenticare.