Ultimi articoli

Il Casertano con i suoi vini da vitigni autoctoni

News image

Intrigante viaggio degustativo con Guido Invernizzi, a partire dalla storia millenaria della Campania per arrivare a s...

Recensioni | Daniela Recalcati

Valtellina #nofilter

News image

Una tavola rotonda presieduta da Sara Missaglia per conoscere la valle, gli uomini e le donne che fanno la differenza ...

Recensioni | Paola Lapertosa

A caccia di pinot nero sulla collina di Mazzon

News image

Con Gabriele Merlo alla scoperta di uno dei grandi cru del pinot nero in Italia. Gli “addicted” di pinot nero lo ri...

Recensioni | Giulia Cacopardo

”Vini del cuore”: quando la degustazione diventa romantica

News image

All’ultima edizione di Enozioni a Milano Samuel Cogliati ci ha condotto lungo la strada che porta un vino a diventare ...

Recensioni | Alessio Di Paola

I vini prodotti dove è nata la vite

News image

Riccardo Cotarella, affiancato dal sommelier Davide Garofalo, presenta l’azienda russa Usadba Divnomorskoe. Una rea...

Recensioni | Giuseppe Vallone

Master Bordeaux


banner master bordeauxUna regione e i suoi vini: un affascinante rompicapo

Il percorso iniziato con Samuel Cogliati nel Master sulla Francia, si è arricchito di una ulteriore tappa, cioè il Master di approfondimento dal titolo  "Il Bordeaux in 5 incontri".
Queste preziose cinque serate sono state dedicate ad una regione non facile da esplorare, in quanto vastissima, variegata e con secoli di storia alle spalle.

 
 


Non solo. I vitigni tipici di Bordeaux ed il taglio bordolese, sono diventati un riferimento internazionale, al punto da essere troppo spesso giudicati in base a stereotipi e mode, invece di essere accostati e compresi senza pregiudizi.
Quindi, con la consueta raffinatezza di stile, Samuel si é posto il difficile compito di decostruire lo stereotipo, prima ancora di rimettere a fuoco una conoscenza effettiva del Bordeaux.
Per chi ha partecipato ne é assolutamente valsa la pena: nonostante il carattere di “introduzione”  (stiamo pur sempre parlando di una realtà produttiva enorme, che richiederebbe ben più di cinque serate), si è trattato un momento prezioso per acquisire un’idea più genuina e diretta di questa importante regione.

Qui di seguito alcuni spunti per seguire il dispiegarsi di questi affascinanti incontri:


1. L'ESSENZA DEL BORDEAUX

I vini prodotti a Bordeaux e quelli fatti altrove con un taglio bordolese non sono la stessa cosa


Ai massimi livelli di qualità i vini di Bordeaux non cercano espressività immediata, ma si pongono su toni di classicismo, finezza e distinzione. Prescindono dalle mode e non amano l'esagerazione. Sono tutt'altro che ruffiani, immediati e facili. Esprimono ciascuno una propria identità che rifugge da generalizzazioni. Sono mutevoli nell'espressione e quindi spesso sorprendenti (in positivo e negativo).
Nella degustazione ci hanno costretto ad un salutare bagno di umiltà. Richiedono pazienza e concentrazione e quasi gongolano nel tradire le prime impressioni.


2. UNA REALTÀ MULTIFORME mouton rotschild

Non solo fama e soldi.


Quando si pensa al vino di Bordeaux molto spesso la mente corre ai prestigiosi Premier Cru del Médoc, alle punte di qualità della riva destra, all'esclusività e al privilegio. Invece i Cru Classé rappresentano una parte minoritaria della realtà produttiva di Bordeaux.
Il resto è spesso fatto di vini che non sempre trovano acquirenti, di produzione soggetta a vincoli di redditività, di un clima mutevole e abbastanza estremo per la vite.
7.200 dichiarazioni di vendemmia, 55.000 addetti, 43% delle vendite in GDO. Un bell'impegno, e non sempre scelte facili, per un sommelier che si accosta alla regione.


3. UNA CLASSIFICAZIONE STABILE E RISPETTATA

La classificazione dei vini del Médoc è una leggenda, quasi immutata dal 1855.


Chi si accosta alla conoscenza dei vini di Bordeaux, ne apprende subito la storia. E scopre, affascinato, che i Premier Cru sono un numero limitatissimo, eccezionalmente salito a 5 dopo oltre cent’anni di lotta della famiglia Rothschild per far elevare a questo Olimpo anche lo Château Mouton.

Una storia che colpisce ed è facile da ricordare: perfetto esempio di marketing ante litteram.
Del resto, per storia e collocazione geografica, Bordeaux è stata una delle prime zone vitivinicole con forte connotazione internazionale e commerciale, e la famosa classificazione è nata per segnalare le punte di qualità ai fini di un’Expo. I prezzi dell'epoca furono uno dei criteri cardine di selezione.


In una magica serata di assaggio dei 5 livelli dei Cru Classé, abbiamo potuto osservare che la classificazione non è perfetta, ma mantiene buona coerenza e logica.
Ci ha comunque affascinato constatare come sia rispettata e protetta, e questo ne ha probabilmente consolidato il valore nel tempo.


Personalmente, è stato difficile non provare un moto di invidia per i cugini transalpini, per questa eccellente dimostrazione della capacità di fare sistema.


serie bordeaux4. I VINI DI BORDEAUX ED IL TEMPO

Qualche volta aspettare non è solo una virtù ma anche e soprattutto una necessità.


I grandi Bordeaux richiedono tempo per esprimersi, attraversano periodi di chiusura e una gioventù aggressiva e scorbutica; non è facile ma occorre farsene una ragione: lo sa bene chi lavora la terra e deve sottostare ai capricci del clima. Non sempre l'attesa è ripagata all'assaggio. Qualche volta l'attesa è molto più che ripagata. C'est la vie!


Per finire, una riflessione sui vini: non sono mai stati banali e noiosi. Questo è stato certamente merito della cura posta da Samuel nella scelta e anche della magia di certi nomi, che capita di rado di accostare (avere uno dei mitici cinque nel bicchiere è una vera emozione). Ma a prescindere da tutto,  non si può non riconoscere al Bordeaux un autentico fascino di evergreen.