Ultimi articoli

Champagne: l'evocativa sublimazione dell'essere vino

News image

Un’altra degustazione fiore all’occhiello dell’edizione 2019 di Enozioni a Milano. Un viaggio in sei tappe, che a sorp...

Recensioni | Barbara Sgarzi

Solaia, il Rinascimento del vino italiano. Verticale di sei annate

News image

«Questo è il numero di dicembre 2000/gennaio 2001 della rivista americana Wine Spectator, contenente la classifica dei...

Recensioni | Marco Agnelli

L’antica Tracia tutta da scoprire: i vini bulgari

News image

La produttività vinicola della Bulgaria è in costante crescita. I vini bulgari, prodotti con vitigni autoctoni, si fan...

Recensioni | Giulia Cacopardo

I Tre TENOri: le voci del vino incontrano il vino che “parla”

News image

Qual è il senso della degustazione Tre TENOri? Non è dedicata a una zona, non ha un unico esperto, potrebbe essere la ...

Recensioni | Ilaria Ranucci

Alsazia, i vini del "bel giardino" d’Europa

News image

La produzione vitivinicola alsaziana punta sempre più al bio e alla biodinamica. Enozioni 2019 non poteva non aprir...

Recensioni | Giulia Cacopardo

Non di solo vino vive l'uomo... ma anche di birra!


The Good BeerAl Congresso AIS 2015 incontriamo la The Good Beer Society, unica rappresentante di una realtà diversa da quella cui sono abituati i sommelier ma altrettanto interessante.

Intervistiamo Marco Giannasso che è al banco con Michela Cimatoribus e Andrea Legittimo, sorridenti dispensatori di ottima birra!

Marco, raccontaci la vostra realtà?
Siamo un’associazione che si occupa di cultura birraria, ovvero tutto ciò che riguarda il consumatore: dalla degustazione, ai corsi di formazione, alla proposta di eventi, serate, viaggi, presentazioni di birrifici con i loro prodotti. Nel nostro programma prevediamo una strada completa di avvicinamento al mondo della birra, partendo dalle conoscenze più tecniche, come la produzione, fino ad arrivare alla parte più ludica che è quella dell’assaggio e della degustazione, ci interessa che il consumatore abbia un approccio serio, consapevole e strutturato a questo mondo.

Lo StandCome scegliete i birrifici e i prodotti da proporre?
Scegliamo solo birrifici artigianali, non solo italiani anche se collaboriamo maggiormente con il territorio nazionale ma, ad esempio, organizzando viaggi didattici all’esterno e ci appoggiamo anche a realtà straniere che lavorino comunque con metodologie artigianali.

Che cosa intendiamo con il termine “birra artigianale”?
Non è semplice dare una definizione, sono birre non pastorizzate, non hanno la pretesa di durare molto tempo e di arrivare dall’altra parte del mondo se non in condizioni di trasporto molto controllate; oltre alla pastorizzazione non amiamo neanche la filtrazione: badiamo a che il prodotto iniziale non venga snaturato, perché la birra è un prodotto che continua a vivere e quindi non può essere sottoposta ad una lavorazione troppo aggressiva.

Siete gli unici rappresentanti della birra al Congresso AIS…
Siamo contenti di aver avuto questa bella opportunità perché qui c’è un pubblico interessato ad altro però che è comunque avvezzo alla degustazione, ha la curiosità di provare qualcosa di nuovo e particolare e assaggiando i prodotti che abbiamo qui in degustazione nota le differenze tra una birra ben fatta e ciò che magari ha bevuto, senza pensarci troppo, in altri contesti.

The Good BeerAvete portato diversi prodotti in degustazione, quale tra questi apriresti per te e perché?
Domanda difficile… un amante e conoscitore della birra ha per ogni momento della giornata, del mese, della vita un prodotto adatto; abbiamo qui molte cose, circa 25 referenze, ce n’è per tutti i gusti. Incontriamo persone che chiedono dalla birra per l’aperitivo fino alla birra da dopo cena e possiamo soddisfare tutti; io sono molto selettivo quindi non posso fare una scelta qui ed ora!

http://thegoodbeersociety.it/