Ultimi articoli

Terra d’Eclano: il concetto di grande vino realizzato da Quintodecimo

News image

Per il professor Luigi Moio, ordinario di Enologia presso il Dipartimento di Scienza degli Alimenti dell’Università de...

Recensioni | Giacomo Pelatti

Vinovagando - I molteplici volti del profilo vitivinicolo lombardo

News image

«Non esiste altra regione in Italia che, come la Lombardia, possa garantire almeno una denominazione di eccellenza per...

Recensioni | Giuseppe Vallone

Valpolicella, attrazione fatale in rosso

News image

Per la fortunata rassegna Vinovagando, la penultima tappa del viaggio attraverso lo Stivale tocca una delle aree di ma...

Recensioni | Marco Agnelli

La Grande Piccola DOC Faro

News image

È un vero gioiello in miniatura sotto vari punti di vista: storico, paesaggistico ed enologico. Affonda le sue radi...

Recensioni | Daniela Recalcati

Aspettando il Master Champagne. L’intervista a Samuel Cogliati

News image

Dieci incontri, a partire da martedì 22 gennaio 2019, per conoscere l’affascinante panorama della Champagne, in tutta ...

Interviste | Ilaria Ranucci

Non di solo vino vive l'uomo... ma anche di birra!


The Good BeerAl Congresso AIS 2015 incontriamo la The Good Beer Society, unica rappresentante di una realtà diversa da quella cui sono abituati i sommelier ma altrettanto interessante.

Intervistiamo Marco Giannasso che è al banco con Michela Cimatoribus e Andrea Legittimo, sorridenti dispensatori di ottima birra!

Marco, raccontaci la vostra realtà?
Siamo un’associazione che si occupa di cultura birraria, ovvero tutto ciò che riguarda il consumatore: dalla degustazione, ai corsi di formazione, alla proposta di eventi, serate, viaggi, presentazioni di birrifici con i loro prodotti. Nel nostro programma prevediamo una strada completa di avvicinamento al mondo della birra, partendo dalle conoscenze più tecniche, come la produzione, fino ad arrivare alla parte più ludica che è quella dell’assaggio e della degustazione, ci interessa che il consumatore abbia un approccio serio, consapevole e strutturato a questo mondo.

Lo StandCome scegliete i birrifici e i prodotti da proporre?
Scegliamo solo birrifici artigianali, non solo italiani anche se collaboriamo maggiormente con il territorio nazionale ma, ad esempio, organizzando viaggi didattici all’esterno e ci appoggiamo anche a realtà straniere che lavorino comunque con metodologie artigianali.

Che cosa intendiamo con il termine “birra artigianale”?
Non è semplice dare una definizione, sono birre non pastorizzate, non hanno la pretesa di durare molto tempo e di arrivare dall’altra parte del mondo se non in condizioni di trasporto molto controllate; oltre alla pastorizzazione non amiamo neanche la filtrazione: badiamo a che il prodotto iniziale non venga snaturato, perché la birra è un prodotto che continua a vivere e quindi non può essere sottoposta ad una lavorazione troppo aggressiva.

Siete gli unici rappresentanti della birra al Congresso AIS…
Siamo contenti di aver avuto questa bella opportunità perché qui c’è un pubblico interessato ad altro però che è comunque avvezzo alla degustazione, ha la curiosità di provare qualcosa di nuovo e particolare e assaggiando i prodotti che abbiamo qui in degustazione nota le differenze tra una birra ben fatta e ciò che magari ha bevuto, senza pensarci troppo, in altri contesti.

The Good BeerAvete portato diversi prodotti in degustazione, quale tra questi apriresti per te e perché?
Domanda difficile… un amante e conoscitore della birra ha per ogni momento della giornata, del mese, della vita un prodotto adatto; abbiamo qui molte cose, circa 25 referenze, ce n’è per tutti i gusti. Incontriamo persone che chiedono dalla birra per l’aperitivo fino alla birra da dopo cena e possiamo soddisfare tutti; io sono molto selettivo quindi non posso fare una scelta qui ed ora!

http://thegoodbeersociety.it/