Ultimi articoli

Duello di una notte di mezza estate a colpi di calice

News image

Il duello del vino, il tradizionale appuntamento di fine stagione sulla terrazza del Westin Palace Hotel per una serat...

Recensioni | Marco Agnelli

TASTE CAMP 3: dialogare al buio

News image

L’ultima serata estiva del ciclo Taste Camp si conclude con una degustazione completamente alla cieca di otto vini, in...

Recensioni | Sara Missaglia

TASTE CAMP 2. Certe notti

News image

Guidati da Luisito Perazzo, un maestro della sensorialità, la seconda serata in terrazza è un' affascinante degustazio...

Recensioni | Sara Missaglia

TASTE CAMP 1. Autoctoni, che passione!

News image

Anche quest’anno AIS Milano ripropone il consueto appuntamento estivo in terrazza, partendo con una serata dedicata ai...

Recensioni | Daniela Recalcati

Mosnel: territorio, ricerca e qualità sostenibile

News image

Giulio Barzanò ci presenta l’azienda che conduce insieme alla sorella Lucia. Giunta alla quinta generazione di viticol...

Recensioni | Giuseppe Vallone

Intervista a Christoph Kunzli dell'azienda Le Piane


Christoph KunzliL’amore per i vini del Cerri, ha portato a Boca, nell’Alto Piemonte, Christoph Kunzli uno svizzero che ha ridato vita alle vigne.

Christoph ci racconta il territorio e la sua azienda?
Boca è una zona viticola in provincia di Novara, si trova tra la Valsesia e il lago d’Orta, sulle ultime colline delle Prealpi, ha una grande storia vitivinicola che ha più di duemila anni.
Durante gli anni cinquanta ha subito un grande abbandono, perchè la gente ha lasciato i campi per andare a lavorare nelle fabbriche di città.

Christoph KunzliNel 1995 sono arrivato in zona e ho conosciuto Antonio Cerri, uno degli ultimi produttori di Boca, mi ha convinto nell’idea di creare qui un’azienda viticola di alto livello. Erano rimasti solo dieci ettari di vigna rispetto ai cinquemila degli anni trenta, le poche piante erano allevate con il sistema a maggiorina, l’alberello pergolato. Il terreno è in prevalenza costituito da porfido vulcanico, molto friabile, una composizione rara nell’Italia settentrionale, lo troviamo, in genere, sull’Etna e in qualche isola vulcanica del sud.
Il paesaggio ha sempre regalato grandi scorci, i vigneti, ancora oggi, sono circondati dai boschi. Noi come azienda Le Piane abbiamo messo mano a queste terre impiantando il nebbiolo, su appezzamenti molto frazionati, per un totale odierno di otto ettari, di cui due composti da piante con oltre cento anni e sei di piante nuove.
Per fare tutto ciò sono stati necessari ottanta atti notarili, una pazzia, un duro lavoro ci ha portato ad essere quello che siamo ora.

La cantinaCome lavorate in cantina?
Cerco di fare le cose in maniera molto classica, amo i vini come il Barolo e il Barbaresco, fatti in grandi botti e con lunghe macerazioni.
Quando ho iniziato a produrre i vini a Boca, mi era chiaro che dovevo seguire queste influenze. Mi sono ispirato anche allo stile del proprietario precedente che non faceva uso di tecnologia: sono andato avanti come la natura aveva fatto per secoli. Sono sempre stato aiutato da una grande uva; la meticolosa selezione sulla pianta, fa arrivare in cantina grappoli perfetti.
In questo modo riusciamo ad avere una vinificazione classica in tini aperti, follature manuali e lunghe macerazioni; poi grandi botti per tre anni, adesso addirittura quattro, dove il nebbiolo riposa con la vespolina.
Infine eseguiamo travasi e il vino rimane in bottiglia per altri dodici mesi. Ne risultano vini equilibrati, armonici e di grande potenzialità.

i032 caliceNegli ultimi anni, con il cambiamento climatico, avete dovuto apportare delle modifiche?
Per me è molto difficile rispondere a questa domanda perchè produco vino a Boca solo da quindici anni, però posso dire che nelle nostre zone forse abbiamo avuto un miglioramento, negli anni del dopo guerra la gente ha smesso di coltivare le vigne anche perchè era molto difficile, la produzione non era sempre costante.
Noi dal 2003 fino al 2013 abbiamo avuto bellissimi risultati. Solo il 2002 e il 2014 non ci hanno soddisfatto, vuol dire solo una volta ogni dieci anni.

Il mercato come risponde ai vini di Boca?
È un aspetto che anch’io ho sottovalutato all’inizio della mia avventura, pensavo che facendo dei buoni vini poi si potessero vendere facilmente ma, in realtà, non è così. Si deve comunicare molto con la gente, raccontare i propri prodotti, la propria zona ed andare nei mercati.
Io viaggio tutti gli anni almeno tre mesi: Stati Uniti, Giappone e tutta l’Europa, per spiegare cosa è Boca, perchè nessuno conosce questa zona. Ho notato che se i nostri vini stanno solo negli scaffali, non vengono comprati.
Nei mercati dove c’è curiosità, il prodotto va bene, in nazioni come Norvegia e Svezia, la gente conosce poco il vino ma si vuole avvicinare a questa cultura e lì noi siamo presenti con le nostre etichette.
Gli Stati Uniti sono un mercato molto curioso: sono conoscitori di Barolo e Barbaresco, quando proponiamo un calice di vino dell’Alto Piemonte, lo assaggiano con entusiasmo.
Nell’Europa centrale c’è meno curiosità, non si vanno a cercare troppe novità. In Italia, dove il fattore curiosità stà vivendo la sua esplosiva giovinezza, si vive contemporaneamente la forte interferenza dell'alto numero di etichette, molte delle quali neonate, ma gli ottimi risultati commerciali ottenuti, sono strettamente legati sia al prezioso lavoro di valutazione e diffusione svolto dalle guide che al forte investimento specifico da noi affrontato negli ultimi due anni.