Ultimi articoli

Champagne: l'evocativa sublimazione dell'essere vino

News image

Un’altra degustazione fiore all’occhiello dell’edizione 2019 di Enozioni a Milano. Un viaggio in sei tappe, che a sorp...

Recensioni | Barbara Sgarzi

Solaia, il Rinascimento del vino italiano. Verticale di sei annate

News image

«Questo è il numero di dicembre 2000/gennaio 2001 della rivista americana Wine Spectator, contenente la classifica dei...

Recensioni | Marco Agnelli

L’antica Tracia tutta da scoprire: i vini bulgari

News image

La produttività vinicola della Bulgaria è in costante crescita. I vini bulgari, prodotti con vitigni autoctoni, si fan...

Recensioni | Giulia Cacopardo

I Tre TENOri: le voci del vino incontrano il vino che “parla”

News image

Qual è il senso della degustazione Tre TENOri? Non è dedicata a una zona, non ha un unico esperto, potrebbe essere la ...

Recensioni | Ilaria Ranucci

Alsazia, i vini del "bel giardino" d’Europa

News image

La produzione vitivinicola alsaziana punta sempre più al bio e alla biodinamica. Enozioni 2019 non poteva non aprir...

Recensioni | Giulia Cacopardo

21 maggio 2018

Hosam Eldin Abou EleyounCari colleghi e amici di AIS Milano,

amore, coesione, passione e squadra non sono parole buttate al vento ma sono la chiave per gettare le basi e costruire una grande storia di successo come quella che raccontiamo ogni giorno nella nostra delegazione.
Grazie alle persone che da oltre 50 anni credono nei principi dell’Associazione e al suo ruolo di divulgatrice professionale della cultura del vino, oggi possiamo andare avanti, fieri di tutto quello che è stato fatto, guardando verso nuovi obiettivi da raggiungere.

Rivolgo i miei complimenti a Sara Lazzeri, della delegazione di Sondrio, per aver conquistato il titolo di Miglior Sommelier della Lombardia e complimenti anche ai ragazzi della delegazione di Milano, Andrea Sala per il secondo posto, Giacomo Chierichetti e Fabio Scaglione per il terzo posto, e a tutti i colleghi che hanno partecipato alla competizione. I risultati di quest’anno mostrano un podio di giovani che fanno tanti sacrifici per studiare, degustare e crescere e ci danno la spinta per continuare a puntare su tutti i colleghi fortemente motivati.

Questa settimana inizierà un altro corso di primo livello con 98 nuovi iscritti, spinti dalla curiosità di conoscere il mondo del vino e tutto ciò che gli ruota attorno.
Martedì 22, Samuel Cogliati inizia il suo primo incontro sui grandi vini bianchi francesi; mercoledì 23 avremo uno degli eventi più attesi: la Tenuta di Trinoro raccontata dal proprietario dell’azienda Andrea Franchetti e da Armando Castagno. Giovedì 24 andremo ad esplorare, sempre con Armando Castagno, un’altra zona della Borgogna.

Hosam Eldin Abou Eleyoun