Ultimi articoli

A spasso per la Francia: alla scoperta dei grandi bianchi d’oltralpe

News image

Dopo i due incontri interamente dedicati ai “grandi” vini rossi francesi guidati da Samuel Cogliati, passiamo ad esplo...

Recensioni | Giacomo Pelatti

L’Alt(r)o Piemonte e i suoi vini, un vero e proprio mosaico

News image

Definire “Alt(r)o” Piemonte l’Alto Piemonte è doloroso ma necessario. L’aggettivo “altro” è riferito al fatto che l...

Recensioni | Arianna Biagini e Ilaria Ranucci

Fierezza autoctona e biodiversità. Ecco la Sardegna del vino

News image

Un viaggio tra antiche varietà e un dedalo di territori unici e differenti. A Magenta, con Adriana Licciardello e sei ...

Recensioni | Alessandro Franceschini

Quattro passi tra la Costa d’Amalfi e il Cilento: come mangiare, bere e stare be

News image

Alla scoperta dello straordinario patrimonio di questo angolo di Campania in compagnia di Nicola Materazzo e Monica Co...

Recensioni | Marco Agnelli

Taste Camp, ovvero l’arte di comunicare il vino

News image

Qualunque vino merita di essere raccontato «Comunicazione è un termine ampio, ancor più se associato al mondo del v...

Recensioni | Susi Bonomi

Nonino, un nome che ha portato l’Italia nel mondo


Nonino, un nome che ha portato l’Italia nel mondo

Una grande azienda, famosa e conosciuta in ogni angolo del pianeta.

La storia della famiglia Nonino inizia con Orazio nel 1897, per poi passare a Benito e ora arrivare alle tre sorelle: Antonella, Cristina ed Elisabetta, con la quarta generazione che è già al lavoro per proseguire un racconto lungo 121 anni.

 

La grappa è il distillato più antico e tradizionale del nord Italia, che si ottiene dalla parte solida del grappolo dell’uva, cioè dalla vinaccia. Nonino possiede sessantasei alambicchi discontinui a vapore, tutti composti di soli tre piatti. Questa è la forza produttiva, sempre accoppiata a una grande dedizione e ottime materie prime.

 

Per l’invecchiamento della grappa è obbligatorio, dal 1952, che i magazzini siano messi sotto controllo dall’Agenzia delle Dogane e dei monopoli mediante l’apposizione di sigilli. Il prodotto deve riposare in legno per un minimo di dodici mesi e prima di questo periodo non si può aggiungere materia colorante.

 

Tutte le forze della famiglia Nonino sono dedite alla creazione e alla divulgazione della grappa, a invecchiamento naturale, in piccole botti di legno. La distillazione è eseguita al 100% con il metodo artigianale, senza l’aggiunta di coloranti.

 

La tostatura del legno, usato per le botti della famiglia Nonino è definita artigianale, un processo che rispetta la natura in maniera tradizionale. Si ottengono così manufatti che interagiscono in maniera ottimale con l’aria e il distillato. Sono barrique francesi di grande qualità e tracciabilità, dal costo inevitabilmente molto elevato.


Il relatore

Grappa Nonino Cru Monovitigno® Riserva Cabernet Franc 5 anni: prodotto imbottigliato apposta per questa degustazione, non filtrato. Ottenuto in piccole botti che hanno contribuito alla creazione di un colore bellissimo. Al naso sentori che non bruciano e note tostate. In bocca la grappa entra morbida e persistente, spezie dolci e pepe, cannella, vaniglia e mandorla. In abbinamento viene proposta una pralina Perù Pachiza fondente 70%, di Ernst Knam, il re del cioccolato.

 

Grappa Nonino Riserva 8 years: è ottenuta con vinacce fresche di uve merlot, moscato, malvasia e friulano; il colore è brillante ed è dato da una breve e delicata filtrazione. È una grappa molto intensa, dal naso dolce, avvolgente e elegante. La temperatura di servizio deve essere bassa, per accentuare quanto i vitigni aromatici riescono a donare. Viene abbinata a un cioccolatino Lindt Nonino Grappa Monovitigno® Moscato.

 

Grappa Nonino Riserva AnticaCuvée® 5 years, da vinacce di cabernet, merlot e schioppettino. Colore carico, luminoso e limpido. Le note marine e austere ricordano le isole dove si producono i grandi whisky scozzesi. Sentori di cioccolato e vaniglia con la cannella che arriva in secondo tempo. Un bouquet completo e ricco. Un grande prodotto ottenuto esclusivamente da uve rosse, che hanno dato vita a un’importante riserva.


I vini

Lasciamo la grappa per passare alla degustazione dell’acquavite d’uva per la cui produzione si impiega in distillazione il grappolo intero, una materia prima costosa che dà però grandi risultati. ÙE® è il marchio registrato dell’acquavite d’uva di cui Nonino si avvale, dal 27 novembre del 1984.

 

ÙE® Nonino Riserva Anniversary 5 anni in barrique, da uve fresche di ribolla, moscato, merlot e malvasia, ha un naso piccante di zenzero e pepe, accompagnato dalla freschezza dei mandarini cinesi. Pazzesca è la lunghezza olfattiva.

 

ÙE® Nonino Riserva 11 anni Monovitigno® Merlot: prodotto estratto dalla barrique apposta per la serata, si presenta con una certa velatura causata dalla mancanza di filtrazioni. Un lungo invecchiamento eseguito al contatto con il legno, ne fa un prodotto austero, tra i preferiti di Giannola Nonino. Note di tabacco e ricordi minerali, con grande ritorno dei profumi, lunghi e persistenti. In abbinamento abbiamo una pralina fondente Bio Grand Cru, Cacao 81% e sale di Maldon, di Ernst Knam.

 

Gran Riserva Nonino 27 anni ÙE® Cru Monovitigno® Refosco dal Peduncolo Rosso: stile e precisione con profumi eleganti estratti da una grande materia prima. Sensazioni di cardamomo e radici del bacino del Mediterraneo, macchia arsa dal sole. Una carezza finale, intensa e persistente.

 

Concludiamo questa fantastica carrellata con una vera e propria anteprima, un distillato Nonino a base di zenzero dal nome Ginger Spirit, l’unico ad essere prodotto esclusivamente con questa radice. Ha un naso improntato sulla materia prima con caratteristiche di elevata purezza. In bocca è persistente, pulito, molto rinfrescante e di sicuro appeal. Prodotto sorprendente, utile anche per rinfrescare la bocca, durante una lunga cena o da proporre a tutto pasto con piatti della cucina orientale.

 

Un ringraziamento va a Cristina Nonino per averci regalato momenti di gioia ed energia, durante una meravigliosa degustazione condotta a quattro mani con Hosam Eldin Abou Eleyoun, Presidente di AIS Lombardia.