Ultimi articoli

Champagne: l'evocativa sublimazione dell'essere vino

News image

Un’altra degustazione fiore all’occhiello dell’edizione 2019 di Enozioni a Milano. Un viaggio in sei tappe, che a sorp...

Recensioni | Barbara Sgarzi

Solaia, il Rinascimento del vino italiano. Verticale di sei annate

News image

«Questo è il numero di dicembre 2000/gennaio 2001 della rivista americana Wine Spectator, contenente la classifica dei...

Recensioni | Marco Agnelli

L’antica Tracia tutta da scoprire: i vini bulgari

News image

La produttività vinicola della Bulgaria è in costante crescita. I vini bulgari, prodotti con vitigni autoctoni, si fan...

Recensioni | Giulia Cacopardo

I Tre TENOri: le voci del vino incontrano il vino che “parla”

News image

Qual è il senso della degustazione Tre TENOri? Non è dedicata a una zona, non ha un unico esperto, potrebbe essere la ...

Recensioni | Ilaria Ranucci

Alsazia, i vini del "bel giardino" d’Europa

News image

La produzione vitivinicola alsaziana punta sempre più al bio e alla biodinamica. Enozioni 2019 non poteva non aprir...

Recensioni | Giulia Cacopardo

Le qualità di un buon capo

Francesco Alberoni sul «Corriere della Sera» descrive le caratteristiche che deve possedere un leader di grande capacità

Fiorenzo Detti"Che cosa deve fare il capo? Conoscere l'ambiente in cui opera la sua impresa, capire cosa si sta facendo, vedere gli errori, sapere dove si deve andare e tracciare la rotta. ... deve essere capace di intuire che cosa può interessare i consumatori, ... che cosa desiderano intimamente gli elettori e come parlare loro per convincerli.

Ma per scoprirlo non bastano le ricerche demoscopiche o di mercato, i calcoli e i ragionamenti degli uomini del marketing, le formule degli addetti alle vendite, le trovate dei pubblicitari. Per scoprirlo occorre una visione del mondo, una comprensione profonda dell'animo umano, e percepire lo spirito dei tempi e la direzione del mutamento."

Articolodel Corriere della SeraCon queste parole Francesco Alberoni, nella sua rubrica in prima pagina sul «Corriere della Sera» di lunedì 12 aprile 2010, descrive le qualità che deve possedere un leader.
E noi ritroviamo queste caratteristiche nel candidato alla presidenza di AIS Lombardia per le prossime elezioni regionali, il Delegato di Milano Fiorenzo Detti. Il suo grande desiderio di rinnovamento, la sua volontà di portare nuove idee e nuovi stimoli all'AIS, sono frutto della sua capacità di intuire le esigenze dei Soci, siano essi Sommelier, Degustatori o semplici appassionati.

Da tanti anni attivo nell'ambito dell'Associazione, Fiorenzo Detti ha in mente un programma chiaro e ben definito per rendere l'Associazione sempre più vicina ai Soci, al servizio di quanti si iscrivono per ampliare il proprio bagaglio di conoscenze, partecipando a degustazioni ed eventi qualificati.
E "quando ... si forma un piccolo gruppo affiatato, che condivide gli stessi valori, lo stesso fine, in cui ciascuno dice fino in fondo quello che pensa, sicuro che gli altri lo prenderanno sul serio", si può creare un "dialogo serrato, lucido, creativo", una grande risorsa per una realtà che vuole crescere.

Foto di gruppoFiorenzo Detti è un leader, un leader molto amato. Durante la manifestazione del Vinitaly ha raccolto sostegno e molteplici attestazioni di stima. Numerosissimi sono i Soci che tifano per lui, che voteranno per lui, che lo appoggiano e continueranno ad appoggiarlo. E noi tutti siamo con loro.
Cin Cin, Detti!