Le più recenti DOCG

Nuove entrate in Piemonte, Veneto, Puglia, Toscana, Campania, Lazio e Friuli

Le più recenti DOC

Un archivio completo di tutte le Denominazioni d'Italia per essere sempre aggiornati sulle novità e sui cambiamenti dei disciplinari

Pornassio o Ormeasco di Pornassio DOC

Approvato con DM 16.09.2003
Modificato con DM 27.07.2004
Modificato con DM 30.11.2011


Tipologie

La denominazione di origine controllata “Pornassio” od “Ormeasco di Pornassio” e' riservata ai vini che rispondono alle condizioni ed ai requisiti stabiliti nel disciplinare di produzione per le seguenti tipologie:

“Pornassio” od “Ormeasco di Pornassio” rosso,
“Pornassio” od “Ormeasco di Pornassio” Sciactrà,
“Pornassio” od “Ormeasco di Pornassio” rosso superiore,
“Pornassio” od “Ormeasco di Pornassio” passito,
“Pornassio” od “Ormeasco di Pornassio” passito liquoroso.


Zona di produzione

La zona di produzione delle uve atte alla produzione dei vini a denominazione di origine controllata “Pornassio” od “Ormeasco di Pornassio” ricade nella provincia di Imperia. Comprende i terreni vocati alla qualita' dell'intero territorio dei comuni di Aquila d'Arroscia, Armo, Borghetto d'Arroscia, Montegrosso Pian Latte, Ranzo, Rezzo, Pieve di Teco, Vessalico e, per il solo versante tirrenico, il territorio dei comuni di Mendatica, Cosio d'Arroscia e Pornassio in Valle Arroscia; l'intero territorio del comune di Molini di Triora in Valle Argentina ed il versante orograficamente ricadente in Valle Arroscia del comune di Cesio.


Vitigni

I vini a denominazione di origine controllata “Pornassio” od “Ormeasco di Pornassio” devono essere ottenuti dalle uve prodotte dai vigneti aventi nell'ambito aziendale la seguente composizione ampelografia:

“Pornassio” od “Ormeasco di Pornassio” rosso e Sciactrà:
Ormeasco o Dolcetto aventi in percentuale non inferiore al 95%.
Per il complessivo rimanente possono concorrere, fino ad un massimo del 5%, le uve di vitigni a bacca di colore analogo non aromatici, da soli o congiuntamente, comunque inseriti tra quelli “idonei alla coltivazione” per la Regione Liguria.