Ultimi articoli

Un patrimonio dell’enologia italiana: Castello Banfi e il suo Brunello

News image

Sotto la straordinaria guida di Luisito Perazzo, AIS Milano racconta una seducente sfumatura di Toscana, la terra baci...

Recensioni | Paola Lapertosa

Champagne Charles Heidsieck, l’eccellenza non ha fretta

News image

Com’è rinfrescante, nelle nostre vite caotiche e convulse, partecipare a una serata il cui mantra è la calma. Il lu...

Recensioni | Barbara Sgarzi

Ribolla: una storia di contrasti, un vitigno che racconta la terra a cui apparti

News image

Una serata per conoscere e capire non solo un vitigno, la ribolla, ma la gente che lo trasforma in vino. Sofia Land...

Recensioni | Sara Missaglia

Al Malbec World Day per scoprire il vitigno simbolo dell'Argentina

News image

Giunto alla sua ottava edizione, il Malbec World Day si è celebrato anche quest'anno il 17 aprile e l'Italia non potev...

Recensioni | Alberto Gober

Serata benefica a sostegno del progetto “Maji Safi”, promosso dall’Associazione

News image

L’associazione Filippo Astori nasce nel 2005, in memoria di Filippo, per realizzare ciò in cui lui credeva e che può e...

Recensioni | Daniela Recalcati

Recensioni

La poesia di una terra di montagna: il San Lorenzo di Mamete Prevostini


La poesia di una terra di montagna: il San Lorenzo di Mamete Prevostini

«La terra non mente mai». Così introduce la serata Sara Missaglia, citando Anselme Selosse.

E in Valtellina, più che altrove, la terra è capace di raccontare se stessa grazie agli oltre 2.500 chilometri di terrazzamenti che incorniciano una delle valli più belle della Lombardia, in cui le rocce e i muretti a secco incastonati su colline di oltre 450 m s.l.m. si mescolano con le piante di fichi d’India che crescono spontanee e con i vigneti, espressione grandiosa del lavoro dell’uomo.

 

Leggi tutto...

I fortificati. L’eterna complessità di vini geniali


I fortificati. L’eterna complessità di vini geniali

Gli appassionati di vini passiti formano ormai una confraternita. Spesso i volti alle degustazioni sono ben noti e così anche i sorrisi soddisfatti di chi è alle prese con un Porto, un Madeira, un Marsala, uno Sherry di eccellenza.

Bello incontrarne più di uno a Enozioni, in una degustazione in cui sono stati presentati sei vini importanti, cinque Porto e un Madeira, sotto la guida di un degustatore di grande sensibilità come Samuel Cogliati.

 

Leggi tutto...

Alla scoperta del vermentino in Sardegna: espressioni in Gallura


Alla scoperta del vermentino in Sardegna: espressioni in Gallura

Mare cristallino, litorali di spiagge bianche alternate a fascinose rocce granitiche, grandi estensioni di sugherete, fitta e odorosa macchia mediterranea: questa è la Gallura e figlio della Gallura è il vermentino.

Guido Invernizzi, novarese di nascita, noto e apprezzato relatore, e Sofia Carta, sassarese di nascita, sommelier e degustatrice AIS, insieme ai rappresentanti delle aziende Vigne Sarrau, Tenute Olbios e Tenute Ledda, ci accompagnano alla scoperta del vitigno, dei vini e del meraviglioso territorio in cui ha origine il tutto.

 

Leggi tutto...

Bordeaux: il carattere del mito


Bordeaux: il carattere del mito

È possibile raccontare in una manciata di ore l’essenza di un territorio come Bordeaux?

Ecco la ricetta di Enozioni 2019: metti un campione della sommelierie italiana come Nicola Bonera, un’impeccabile squadra di sommelier AIS, un gruppo di enoappassionati e il gioco è fatto.

 

Leggi tutto...

Valle del Rodano: quando l’identità viene dalla ricchezza territorio


Valle del Rodano: quando l’identità viene dalla ricchezza territorio

La ricchezza ampelografica della Valle del Rodano è uno degli elementi che contribuisce a tracciare l’identità di questa regione vitivinicola che, con i suoi 80.000 ettari, è una delle più importanti di Francia.

Un mosaico dalla policromia sfaccettata, ardua impresa raccontarlo con una lettura generalizzante, ma Samuel Cogliati se ne guarda bene e, durante Enozioni 2019, conduce una degustazione che cerca di riconoscere, in ogni bicchiere, un po’ dei tesori che la zona racchiude.

 

Leggi tutto...

Champagne e piccoli produttori, alla scoperta di tre brillanti Récoltant Manipulant


Champagne e piccoli produttori, alla scoperta di tre brillanti Récoltant Manipulant

Champagne, un’icona di stile assoluto. Ma è ancora possibile, oggi, parlare di champagne di piccoli produttori?

Ci confrontiamo su questo tema con Alberto Lupetti, giornalista professionista, anima e mente della guida «Grandi Champagne» nonchè Chambellan dell’Ordre des Coteaux de Champagne.

 

Leggi tutto...

Il sangiovese grosso a Montalcino


Il sangiovese grosso a Montalcino

Nove stazioni sull’asse centrale del comune di Montalcino, questo è il racconto di un viaggio che abbiamo compiuto con Armando Castagno.

Un percorso che si snoda sulle strade bianche, teatro dell’Eroica, la famosa gara ciclistica dove tutti i partecipanti si devono presentare con biciclette e abbigliamento d’epoca.

 

Leggi tutto...

Orvieto DOC, il sole d'Italia in bottiglia


Orvieto DOC, il sole d'Italia in bottiglia

Una giornata dedicata alla DOC Orvieto.

Un banco di degustazione e una masterclass che hanno permesso di approfondire non solo la produzione vitivinicola della città umbra, ma anche i suoi legami tra storia e arte, con il vino al centro di tutto.

 

Leggi tutto...

Masterclass: i grandi vini rossi dolci


Masterclass: i grandi vini rossi dolci

La seconda Masterclass organizzata a margine della presentazione del libro di Massimo Zanichelli «Il grande libro dei vini dolci d’Italia», è dedicata ad alcune delle migliori espressioni di vini rossi dolci nel panorama nazionale.

Dalle tonalità purpuree dei recioti veneti al rubino degli aromatici piemontesi e altoatesini, dalla fittezza violacea del sagrantino umbro sino alla solare complessità cromatica dell’aleatico elbano: ancora una volta, si propone dinanzi all’appassionato un vero e proprio viaggio esperienziale lungo tutta la Penisola.

 

Leggi tutto...

Masterclass: i grandi vini bianchi dolci


Masterclass: i grandi vini bianchi dolci

La presentazione dell’opera di Massimo Zanichelli, «Il grande libro dei vini dolci d’Italia» edito da Giunti, è stata una ghiotta quanto imperdibile occasione per farsi accompagnare per mano lungo una degustazione sensoriale tanto intrigante quanto originale.

Massimo, che ha confidato di «avere un debito personale con i vini dolci» perché fu grazie a essi che scoprì la magia del vino, ha concepito il suo ultimo lavoro editoriale in modo inedito, ordinando i vini non per collocazione geografica e regionale bensì per il loro colore di appartenenza.

 

Leggi tutto...