Ultimi articoli

Champagne: l'evocativa sublimazione dell'essere vino

News image

Un’altra degustazione fiore all’occhiello dell’edizione 2019 di Enozioni a Milano. Un viaggio in sei tappe, che a sorp...

Recensioni | Barbara Sgarzi

Solaia, il Rinascimento del vino italiano. Verticale di sei annate

News image

«Questo è il numero di dicembre 2000/gennaio 2001 della rivista americana Wine Spectator, contenente la classifica dei...

Recensioni | Marco Agnelli

L’antica Tracia tutta da scoprire: i vini bulgari

News image

La produttività vinicola della Bulgaria è in costante crescita. I vini bulgari, prodotti con vitigni autoctoni, si fan...

Recensioni | Giulia Cacopardo

I Tre TENOri: le voci del vino incontrano il vino che “parla”

News image

Qual è il senso della degustazione Tre TENOri? Non è dedicata a una zona, non ha un unico esperto, potrebbe essere la ...

Recensioni | Ilaria Ranucci

Alsazia, i vini del "bel giardino" d’Europa

News image

La produzione vitivinicola alsaziana punta sempre più al bio e alla biodinamica. Enozioni 2019 non poteva non aprir...

Recensioni | Giulia Cacopardo

Recensioni

Vini Armeni: “se vuoi essere felice, comincia”… a degustarli!


Vini Armeni: “se vuoi essere felice, comincia”… a degustarli!

Un viaggio attraverso il territorio dell’Armenia che porta alla scoperta di antichi vitigni autoctoni.

"Chi può dire oggi di aver bevuto un kangoun?" ironizza sin da subito Guido Invernizzi. Ammettiamolo senza problemi: non avevamo idea neanche dell’esistenza! La serata sui vini armeni non poteva che iniziare con un bel carico di aspettative per noi soci. Occhi dunque puntati al “faro” che illumina le nostre menti, Guido Invernizzi, e via! Si parte!

 

Leggi tutto...

Nonino, un nome che ha portato l’Italia nel mondo


Nonino, un nome che ha portato l’Italia nel mondo

Una grande azienda, famosa e conosciuta in ogni angolo del pianeta.

La storia della famiglia Nonino inizia con Orazio nel 1897, per poi passare a Benito e ora arrivare alle tre sorelle: Antonella, Cristina ed Elisabetta, con la quarta generazione che è già al lavoro per proseguire un racconto lungo 121 anni.

 

Leggi tutto...

Pelago, una verticale dalle suggestioni marine


Pelago, una verticale dalle suggestioni marine

“…lampi di genio che aprono varchi, allargano prospettive, preparano l’avvenire…”

È da una serie di intuizioni che nasce uno dei vini di punta dell’azienda Umani Ronchi, il Pelago, che coniuga eleganza e morbidezza, rispettivamente dei vitigni internazionali cabernet sauvignon e merlot, con il carattere di un grande vitigno italiano, il Montepulciano d’Abruzzo.

 

Leggi tutto...

Nicolas Feuillatte, chi ha paura delle cooperative?


Nicolas Feuillatte, chi ha paura delle cooperative?

La domanda è volutamente provocatoria: così Alberto Lupetti dà il via alla serata dedicata allo champagne Nicolas Feuillatte.

Il sapore è quello della novità, l’obiettivo – dichiarato – è quello di rompere il paradigma che vede cooperativa e qualità su sponde diverse, distanti dal lusso, dall’eccellenza e dall’esclusività: “Se è per molti non ha valore”; e la lezione è presto fatta.

 

Leggi tutto...

Château Musar: come nasce un mito


Château Musar: come nasce un mito

Ogni produttore di vino ha una grande fortuna: lavorare con qualcosa di vivo, che dovrebbe continuare a tenere in vita.

È stato questo il modus operandi di Serge Hochar, produttore dall’intuito geniale e dall’animo gentile, figlio di quel Gaston che nel Libano, con le sue valli e le aspre catene montuose, il clima mediterraneo e un sottosuolo ricchissimo, aveva visto una regione accogliente e generosa, la “terra promessa” dei suoi vini e della sua azienda, Château Musar.

 

Leggi tutto...

La nobile dolcezza del Tokaji


La nobile dolcezza del Tokaji

Luigi XIV lo definì «il re dei vini, il vino dei re» nel ‘700. Sempre in quegli anni lo Zar di Russia inviò un’intera legione a presidiarne e garantirne la realizzazione e la fornitura.

Si tratta dell’ungherese Tokaji, il più antico vino prodotto da acini colpiti da Botrytis Cinerea, la muffa nobile.

 

Leggi tutto...

Bordeaux e oltre


Bordeaux e oltre

Una serata dedicata ai vini di Bordeaux, per approfondire il mito della regione vinicola più estesa di Francia. Un gigante sia per fama che storia, un colosso produttivo da oltre cinque milioni di ettolitri l’anno.

Bordeaux, grazie alla sua vasta superficie, vanta varie conformazioni di terreno, mentre il clima è un elemento fisso catalogato come temperato oceanico.

 

Leggi tutto...

Vini “oceanici”: un viaggio attraverso tre continenti


 Vini “oceanici”: un viaggio attraverso tre continenti L’aria è splendente, oggi: che meraviglia!

Senza morsi né speroni né briglia

ce ne partiamo a cavallo del vino…

(C. Baudelaire, Il vino degli amanti)

Per il sommelier, viaggiatore per indole, ogni calice con i suoi profumi e le sue sensazioni racchiude in sé la storia, la cultura, le tradizioni, il legame con la terra di un popolo.

 

Leggi tutto...

Valle d’Aosta: fascino ad alta quota

Valle D’Aosta: fascino ad alta quotaLa giornata dedicata al 53° compleanno dell’Associazione Italiana Sommelier si conclude per il quarto anno consecutivo con un seminario dedicato a una regione italiana.

Quest’anno tocca alla Valle d’Aosta, raccontata da una delle sue voci più autorevoli, Alberto Levi.

 

Leggi tutto...

A spasso per la Francia: alla scoperta dei grandi rossi d’oltralpe


 A spasso per la Francia: alla scoperta dei grandi rossi d’oltralpe I grandi vini di Francia. Ossia: miscellanea di alto profilo del meglio che sa offrire la Francia del vino. Samuel Cogliati, nella prima delle quattro serate dedicate ai grandi vini francesi, racconta la genesi della miniserie di incontri, due declinati in rosso e due in bianco, pensati per i soci di AIS Milano.

Non è facile mettere insieme tanti vini di territori diversi; non è facile, soprattutto, trovare un filo conduttore.

 

Leggi tutto...